È possibile clonare piante di cannabis autofiorenti?

Le varietà di cannabis autofiorenti sono incredibilmente popolari tra i coltivatori di cannabis, grazie alla loro lunga lista di vantaggi impressionanti. Sono compatti e veloci da coltivare, ma offrono una potenza notevole e grandi rese. Ma come si comportano le automobili quando si tratta di clonazione? Producono piante sane e funzionali? Oppure le automobili hanno davvero un tallone d’Achille?

Le piante autofiorenti producono un bottino considerevole in un periodo di tempo estremamente breve. Le varietà moderne spesso superano molte varietà fotoperiodiche in termini di potenza e resa. Molti coltivatori sono puristi delle autofiorenti e considerano queste varietà impeccabili e incredibilmente efficienti.

Sebbene siano delle vere e proprie meraviglie dell’allevamento, possiedono uno svantaggio distinto. Scopri di seguito perché le automobili non sono compatibili con la clonazione e scopri una semplice alternativa.

Capire le piante di cannabis autofiorenti

Anche se sei nuovo nella coltivazione della cannabis, probabilmente ti sarai imbattuto nella grande quantità di varietà disponibili per i coltivatori. Sin dal suo addomesticamento nella Cina nordoccidentale circa 12.000 anni fa, gli esseri umani hanno utilizzato l’allevamento selettivo per alterare drasticamente questo raccolto; molte cultivar moderne differiscono notevolmente sia nella morfologia che nella chimica dalle piante selvatiche che la nostra specie ha incontrato per la prima volta.

Nel complesso, le varietà di cannabis autofiorenti sono più piccole e crescono molto più velocemente, pur offrendo potenza e produttività eccellenti.

Come funzionano le piante autofiorenti?

Se ti stai chiedendo se puoi clonare le autofiorenti, ti aiuterà tornare all’inizio delle cose. Età precedenti alla domesticazione umana della cannabis, le specie vegetali emerserocsull’altopiano tibetano orientale. Da qui, la dispersione naturale ha permesso all’erba di trascendere i suoi confini prototipici e di viaggiare fino alla moderna Russia, India, Corea del Sud e Europa sud-orientale. Ognuna di queste regioni possiede climi e condizioni ambientali diversi, con conseguenti adattamenti che hanno dato origine a diverse sottospecie di cannabis.

Tra le sottospecie emergenti, quella che si è sviluppata nella Russia moderna ha sviluppato forse l’adattamento più singolare. In precedenza, le piante di cannabis facevano affidamento sui cicli di luce stagionali calanti per indurre la fioritura. Tuttavia, una combinazione di mutazioni genetiche, selezione naturale e pressione ambientale ha dato origine a piante che fioriscono in base a un orologio genetico interno, un meccanismo che le ha aiutate a sopravvivere in una regione così difficile.

Da allora, i moderni programmi di allevamento hanno incrociato questa ruderalis pura con altre sottospecie di cannabis. Questo processo ha creato varietà che possiedono il tratto autofiorente, insieme a livelli più elevati di cannabinoidi e terpeni e una produttività superiore.

La scienza della clonazione della cannabis

Si può clonare un’autofiorente?

La scienza della clonazione dell’erba implica il prelievo di talee da una pianta madre. Questo materiale vegetale possiede esattamente lo stesso genoma della madre; in sostanza, stai semplicemente moltiplicando la pianta originale. L’esemplare emergente possiederà tutti gli stessi tratti e si attecchirà più rapidamente di una pianta cresciuta da seme.

Per comprendere la scienza della clonazione, è utile sapere cosa comporta il processo:

  1. Selezione della pianta madre: Per prima cosa, i coltivatori devono selezionare una pianta madre da cui prendere un taglio. Il processo di selezione dipende interamente dalle caratteristiche desiderate della madre. Considerando che il clone avrà le stesse caratteristiche, questo è il passo più importante dell’intero processo.
  2. Vengono prelevate le talee: Successivamente, il coltivatore prenderà una talea utilizzando uno strumento da taglio affilato e sterile per evitare la trasmissione di malattie. Il taglio deve contenere almeno un nodo; queste strutture contengono cellule meristematiche capaci di produrre nuove radici e germogli.
  3. Radice: il coltivatore immerge quindi l’estremità mozzata del taglio in una formula di ormone radicante e lo inserisce in un mezzo di rooting.
  4. Trapianto: Dopo aver mantenuto attentamente un intervallo ristretto di temperatura e umidità, il taglio produrrà un apparato radicale sano. Da qui, il coltivatore può trapiantare il clone in un terreno di coltura a base di terreno.

Quali sono i vantaggi della clonazione delle piante infestanti?

Questa tecnica offre molti vantaggi chiave, tra cui:

  • Consistenza genetica: Le talee sono una copia genetica diretta della loro pianta madre. A parte la separazione spaziale, sono essenzialmente la stessa pianta. Ciò significa che i coltivatori sanno esattamente cosa otterranno durante il prossimo ciclo di crescita.
  • Cattura del fenotipo: Le piante di cannabis provenienti dallo stesso lotto di semi possiedono tutte un certo grado di variabilità genetica. Alcuni fenotipi produrranno una forma, dimensione o composizione fitochimica più desiderata. La clonazione consente ai coltivatori di catturare e mantenere un fenotipo selezionato, senza perdere nessuno dei suoi tratti desiderabili.
  • Prevenzione della fecondazione: La clonazione di piante femminili consente ai coltivatori di produrre un lotto di soli cloni femminili. A parte il piccolo rischio di ermafroditismo, questo elimina il rischio che i maschi entrino nello spazio di coltivazione e potenzialmente fecondino i fiori femminili e, di conseguenza, riducano la loro qualità.
  • Tempi di lavorazione più rapidi: prelevare talee elimina la necessità di iniziare le piante di cannabis dal seme. Questo non solo fa risparmiare tempo, ma elimina alcuni dei problemi che possono sorgere durante la fase di semina, comprese le malattie fungine delle radici. Questa produzione più rapida si rivela redditizia dal punto di vista commerciale e offre inoltre ai coltivatori domestici un vantaggio quando si tratta di procurarsi una scorta fresca.
  • Sviluppo delle abilità orticole: Se hai sempre e solo avviato una pianta dal seme, imparare a clonare correttamente le piante aggiungerà una tacca alla tua cintura orticola.

È Possibile Clonare la Cannabis Autofiorente?

Ora hai familiarità con la genetica autofiorente e con il processo di clonazione della cannabis in generale. Ma si possono clonare le piante autofiorenti? Tecnicamente sì. Le piante autofiorenti non sono diverse dalle altre varietà per quanto riguarda il processo di clonazione. Tuttavia, i risultati differiscono drasticamente.

Prendendo una talea da una pianta autofiorente, se gestita correttamente, si otterrà un clone sano. Queste talee sono in grado di produrre radici e crescita vegetativa nelle condizioni corrette. Allo stesso modo, sono anche una copia genetica esatta della pianta madre e quindi presenteranno le stesse caratteristiche.

Sembra tutto bello e bello, vero? Ma solo perché puoi clonare una pianta di erba autofiorente, non significa che dovresti farlo.

Perché non dovresti clonare le autofiorenti

La caratteristica autofiorente rende le autofiorenti altamente desiderabili tra molti coltivatori. Tuttavia, questa stessa proprietà li rende incompatibili in termini di clonazione. L’orologio genetico interno di un’autofiorente, che determina quando avverrà la fioritura, non smette mai di ticchettare: questo solleva un grosso problema.

La durata media di una autofiorente è di circa 10–12 settimane, dalla germinazione al raccolto. Ci vorranno circa 3-4 settimane affinché una pianta diventi abbastanza grande da poter effettuare un taglio vitale. Il successo del rooting e l’insediamento del clone richiederanno altre 1-2 settimane. Ciò lascia solo otto settimane, al massimo, affinché il taglio si sviluppi in una pianta da fiore matura. Nel peggiore dei casi, l’esemplare avrà solo sei settimane prima di raggiungere la fine della fase di fioritura. Realisticamente, prima ancora che il coltivatore abbia la possibilità di prelevare una talea, la pianta avrà già iniziato le prime fasi di fioritura.

In che modo la clonazione delle varietà a fotoperiodo differisce dalle autofiorenti

Al contrario, piante fotoperiodiche sono perfettamente compatibili con la clonazione. Ricorda, non fioriscono in base a un orologio genetico interno. Si affidano invece a segnali luminosi esterni sotto forma di riduzione del ciclo di luce. In un ambiente di coltivazione controllato, i coltivatori hanno il controllo completo sulla quantità di luce ricevuta dalle loro piante.

Se esposte ad almeno 13 ore di luce al giorno, le piante fotoperiodiche rimarranno indefinitamente nella fase vegetativa. Ciò significa che i coltivatori possono mantenere i propri cloni esposti a una luce sufficiente da consentire loro di diventare piante vegetative completamente sviluppate prima di farle fiorire.

Clonazione di varietà autofiorenti: non perdere tempo

Clonare piante autofiorenti all’inizio sembra una buona idea, soprattutto per i coltivatori che hanno recentemente scoperto un fenotipo perfetto che soddisfa tutte le loro preferenze. Sfortunatamente, prelevare ritagli dalle automobili risulta in poco più che una perdita di tempo. Se coltivi piante autofiorenti convenzionali, dovrai semplicemente accettare il fatto che dovrai iniziare dai semi all’inizio di ogni ciclo di crescita e sopportare la variabilità genetica del tuo raccolto.

Mentre la clonazione rimane infruttuosa quando si coltivano le autofiorenti, negli ultimi anni la selezione ha fatto molta strada. Ora i coltivatori automatici hanno una vera alternativa a questa pratica orticola.

Ibridi F1: un’alternativa superiore alla clonazione delle automobili

Il settore agricolo beneficia da decenni delle colture ibride F1. Tuttavia, sono solo uno sviluppo recente nel mondo dell’erba. I nostri coltivatori qui alla Royal Queen Seeds hanno creato con successo i primi veri ibridi di cannabis . I processi altamente tecnici e ardui iniziano con la creazione di diverse linee genetiche altamente pure. Attraversando questi confini, i nostri allevatori hanno creato progenie che possiedono un tratto noto come vigore ibrido.

Non solo il vigore ibrido conferisce alle piante rese più elevate, una crescita più rapida e una maggiore resistenza ai parassiti e alle malattie, ma significa anche che possiedono un’uniformità senza pari. Le piante autofiorenti convenzionali dello stesso lotto di semi mostrano una grande quantità di variazione genetica; alcuni sono più alti, altri più bassi; alcuni sono più potenti, mentre altri mancano di THC e terpeni. Gli ibridi F1 aggirano questo problema producendo piante che hanno tutte lo stesso aspetto, sapore, sensazione e produzione.

Fonte: royalqueenseeds

Lascia un commento

Contattaci