Distillato di cannabis: cos’è e perché è importante?

I distillati di CBD sono curiosi prodotti di cannabis con un’enorme potenza ma senza sapore. Promettono nuove applicazioni e aprono il futuro della cannabis ingegnerizzata. Scopri tutto sui distillati di cannabis qui.

Il mondo dei concentrati di cannabis è in crescita e le persone si innamorano di questi prodotti a base di cannabis super puri. Il più puro di tutti è noto come distillato di cannabis, che contiene quasi il 100% di cannabinoidi e rinuncia a tutti i terpeni.

Alcune persone lo adorano; altri sono meno sicuri. In questo articolo esaminiamo questo prodotto strano e veramente moderno.

 

Cos’è il distillato di cannabis e come viene prodotto?

I prodotti distillati di cannabis sono una nuova affascinante forma di cannabis che promette di cambiare il modo in cui la cannabis viene utilizzata in determinati scenari. I distillati vengono prodotti vaporizzando il materiale della cannabis, quindi raccogliendo e raffreddando (distillando) il vapore. Questo processo è privo di impurità e si traduce in prodotti che contengono cannabinoidi puri al 99% circa.

I terpeni, che conferiscono alla cannabis i suoi aromi e sapori, vengono distrutti durante il processo, il che significa che un prodotto distillato puro è inodore e insapore. Per alcuni usi, questo è utile, ma per gli utenti ricreativi può essere piuttosto uno svantaggio. Tuttavia, i terpeni possono essere estratti con altri mezzi e quindi aggiunti successivamente al prodotto distillato finale.

Alcuni puristi sono contrari a tale approccio, ma altri lo vedono come un apripista a un modo nuovo e perfezionato di utilizzare la cannabis che potrebbe essere particolarmente utile per i consumatori di cannabis terapeutica.

Distillare Cannabis in Casa

Anche se tutto questo può sembrare molto tecnologico, il processo di distillazione dell’erba è in realtà abbastanza semplice e diretto, e puoi farlo a casa purché tu abbia l’attrezzatura giusta.

Il seguente processo è semplificato, ma dovrebbe darti un’idea di come preparare il distillato di cannabis in casa.

  1. Estrai tricomi: Innanzitutto, dovrai rimuovere i tricomi dalla materia vegetale. Puoi farlo con un setaccio (come si fa per fare il kief) o con acqua fredda o estrazione con solvente.
  2. Svernamento: Ora devi conservare i tricomi a una temperatura compresa tra -20 e -60ºC per 24 ore. Per questo avrai bisogno di attrezzature specializzate, poiché i normali congelatori non scendono a queste temperature. Questa parte del processo isola ulteriormente i cannabinoidi da altri composti come lipidi e clorofilla.
  3. Decarbossilato: Dopo essere stato filtrato attraverso un evaporatore rotante, ora devi decarbossilare il tuo prodotto a 110ºC per 40 minuti. Questo attiva il THC, il che significa che il tuo corpo può utilizzarlo.
  4. Distillare: ora puoi distillare ciò che ti rimane utilizzando la pressione del vuoto e il calore. Ciò che rimane sarà puro fino al 99% e sarà inodore e insapore.

Con l’attrezzatura corretta, questo processo non è troppo difficile. Ma come puoi vedere, non potrai semplicemente entrare in cucina e iniziare subito; dovrai prima acquistare alcune attrezzature abbastanza particolari. Non solo l’esborso per questo è piuttosto alto, ma avrai anche bisogno di molte cime se vuoi produrre una quantità significativa di distillato di cannabis a casa.

Quali sono i vantaggi del distillato di cannabis?

Il distillato di cannabis è un prodotto molto puro con alcuni vantaggi reali:

  • Concentrazione incredibilmente pura di cannabinoidi
  • L’estratto può essere aggiunto a tutti i tipi di prodotti
  • La versatilità del prodotto significa che può essere adattato all’uso desiderato
  • È possibile aggiungere aroma
  • Ottimo per cucinare quando non vuoi il sapore della cannabis
  • Potenzialmente molto utile per gli utenti medici
  • Il distillato di THC è molto potente
  • Il processo rimuove pesticidi e impurità

Inconvenienti del distillato di cannabis

Ma non è nemmeno privo di inconvenienti. Ecco alcuni dei potenziali svantaggi del distillato:

  • Alcune persone lamentano la perdita di terpeni
  • Alcuni non sono contenti dell’idea di prodotti a base di cannabis ingegnerizzata
  • I prodotti sono costosi
  • Processo difficile rispetto alla produzione di altri concentrati

Resina viva e distillato

La resina viva e il distillato sono due prodotti abbastanza distinti, sebbene condividano anche somiglianze.

La differenza principale tra i due è questa: la live resin è realizzata per migliorare e mettere in risalto specificamente il profilo terpenico della cannabis, mentre il distillato rende il prodotto finale completamente inodore/sapore. Per questo motivo, i due prodotti spesso piacciono a persone diverse all’interno della comunità della cannabis.

Un’altra differenza è che la resina viva può essere considerata a spettro completo, poiché contiene una gamma completa di terpeni e cannabinoidi provenienti dal materiale vegetale da cui proviene. Il distillato, d’altra parte, non ha uno spettro completo poiché è privo di terpeni e altri fitochimici non cannabinoidi.

Ma per il resto condividono anche punti in comune. Sia la resina viva che il distillato danno origine a un concentrato di cannabis con una percentuale molto elevata di cannabinoidi, molto più alta rispetto ai fiori di cannabis. Entrambi comportano anche il congelamento. Con la resina viva, i fiori di cannabis appena raccolti vengono congelati in azoto liquido, prima di essere sottoposti all’estrazione con butano. Il distillato, invece, viene congelato dopo l’estrazione dei tricomi.

Colofonia vs distillato

La colofonia di cannabis è un concentrato ottenuto comprimendo i fiori di cannabis stagionati tra due superfici calde, come le piastre per capelli. La resina poi si esaurisce, si raffredda e può essere raccolta e utilizzata come qualsiasi altro concentrato ceroso di cannabis.

Con questo in mente, colofonia e distillato sono abbastanza distinti. La colofonia è un concentrato di base realizzato utilizzando calore e pressione, senza solventi o congelamento. Pertanto, è anche uno dei concentrati più facili da preparare a casa. La potenza e la purezza della colofonia di cannabis variano e contiene ancora alcuni terpeni, anche se molti possono essere distrutti durante il processo di riscaldamento.

Distillato contro cera

La cera è una forma di BHO (olio di hashish butano), che è un concentrato a base di solvente. È morbido e ceroso, come suggerisce il nome. La cera generalmente contiene uno spettro completo di terpeni e cannabinoidi, il che la rende popolare tra gli utenti con un palato esigente.

Come Usare il Distillato di Cannabis

Il distillato di THC si presta a numerosi metodi di ingestione, in particolare la vaporizzazione e gli commestibili. La cosa interessante è che le sue qualità uniche lo rendono perfetto anche per lo sviluppo di prodotti farmaceutici.

Si può fumare il distillato di THC?

Puoi fumare il distillato di cannabis, ma non è l’uso migliore per questo prodotto. Poiché il distillato è così puro, la combustione sarebbe uno spreco; dovresti mescolarlo con qualcosa come tabacco o fiori di cannabis per bruciarlo, il che a sua volta ridurrebbe la purezza del tuo distillato. In questo caso, sarebbe meglio fumare semplicemente cime o forme più rudimentali di hashish.

Distillato di THC vaporizzato

Lo svapo è uno dei modi migliori per utilizzare il distillato di THC. Calibrando un vaporizzatore alla temperatura ottimale per lo specifico profilo di cannabinoidi, gli utenti possono davvero ottenere il massimo da un determinato distillato. Detto questo, l’esperienza totalmente insapore può risultare un po’ strana per chi è abituato ai successi saporiti.

Commestibili

Il distillato si presta bene anche agli edibili. Da un lato è già decarbossilato, il che significa che può essere aggiunto direttamente a una ricetta.

Ancora più importante, la natura insapore di questi prodotti apre la strada agli chef per impregnare i loro piatti con gli effetti della cannabis, senza aggiungere nulla di quel sapore d’erba. Pertanto, potete praticamente cucinare tutto ciò che desiderate e non dovete preoccuparvi che la cannabis influenzi il gusto del vostro piatto.

Prodotti farmaceutici

La natura pura dei distillati fa sì che siano perfetti per l’uso farmaceutico. Sebbene la cannabis a spettro completo abbia anche potenziali applicazioni mediche, la sua coerenza da prodotto a prodotto rende difficile la standardizzazione per un uso terapeutico specifico. Con il distillato, tuttavia, è possibile sviluppare farmaci con concentrazioni costanti di determinati cannabinoidi, aprendo un mondo completamente nuovo di possibilità cliniche.

Topici e cosmetici

È anche possibile utilizzare prodotti distillati per realizzare prodotti topici e cosmetici alla cannabis, sebbene non sia l’uso migliore per un prodotto così particolare. L’unico motivo per cui utilizzeresti un distillato rispetto a qualche altro estratto è che, poiché è privo di terpeni, il tuo prodotto topico o cosmetico potrebbe essere profumato a tuo piacimento.

Dabs distillato

È anche possibile trattare il tuo distillato come dab, una forma di concentrato vaporabile consumato tramite una pipa ad acqua. Il vapore viene fatto passare attraverso l’acqua e poi inalato, come il fumo di un bong. Sebbene ciò costituirà una potente esperienza psicoattiva per gli amanti del THC, la mancanza di sapore è considerata da alcuni un po’ uno svantaggio.

Tintura distillata

Il distillato può essere utilizzato anche per preparare tinture sublinguali. Per gli utenti che desiderano prodotti a base di cannabis di alta qualità e insapore, facili da usare e da portare con sé, una tintura sublinguale è una buona opzione. Anche il processo di creazione delle tinture di distillato è molto semplice e quindi fattibile per i dilettanti.

Distillato di CBD

Poiché puoi distillare a temperature diverse, è altrettanto possibile produrre un distillato di CBD. Questi prodotti hanno tutti gli stessi vantaggi, svantaggi e usi di un distillato di THC, tranne che sono caricati con quasi il 100% di CBD.

Le principali applicazioni del distillato di CBD sembrano essere negli integratori e nei prodotti farmaceutici, poiché il CBD viene continuamente studiato per la sua efficacia terapeutica.

Fonte: royalqueenseeds

Lascia un commento

Contattaci