La contea di Sonoma deve fare i conti in mezzo a una lotta per l’ordinanza sulla cannabis

Appena a sud dello storico bar Washoe House a nord-ovest di Petaluma, i primi accenni di agitazioni di quartiere contro la nascente industria della cannabis della zona appaiono sull’asfalto di Pepper Road.

In lettere dipinte a spruzzo di bianco appena distinguibili, qualcuno ha promesso la totale opposizione dei vicini alla coltivazione di marijuana nella bucolica Liberty Valley, sede di numerosi caseifici della contea di Sonoma.

La famiglia di Ron Evenich vive a Pepper Lane, appena fuori da Pepper Road, dal 1969. La sua proprietà si trova a poche case più in basso da una più formale segnaletica in vinile che chiede “No Pot on Pepper”.

Evenich ha ancora la cisterna che la sua famiglia usava per trasportare l’acqua ogni giorno durante la siccità della metà degli anni ’70, ma all’inizio di un altro anno storicamente secco, la sua attenzione si concentra esattamente sulla spinta per la coltivazione di cannabis nelle vicinanze e sul timore che un cambiamento incombente nella contea di Sonoma i codici di utilizzo del suolo potrebbero rendere la minaccia ancora più onnipresente.

“Sarà un libero per tutti”, ha detto.

Questa enclave rurale nelle zone lattiero-casearie a ovest di Petaluma è diventata un microcosmo nella fiorente battaglia tra i quartieri rurali della contea di Sonoma e gli operatori commerciali di pentole. I vicini qui si sono uniti a residenti lontani in tutta la contea in quella che vedono come una lotta per la loro esistenza rurale: uno sforzo per respingere un’ordinanza semplificata sulla coltivazione della cannabis che verrà presentata martedì davanti al Consiglio delle autorità di vigilanza. “Penso che la posta in gioco sia molto”, ha detto il presidente del consiglio delle autorità di vigilanza Lynda Hopkins, che ha contribuito a sviluppare l’ordinanza come parte del comitato ad-hoc del consiglio di amministrazione sulla cannabis. “I coltivatori di cannabis si sentono come se fosse in gioco il futuro della cannabis nella contea di Sonoma. I vicini sentono che è in gioco la loro stessa qualità di vita e la salute dell’ambiente. Penso che sia un dibattito molto esistenziale su entrambi i lati del corridoio. “

Ordinanza sulla cannabis

L’ordinanza proposta, che è in fase di elaborazione da più di due anni, trasferisce l’approvazione della coltivazione al Dipartimento dell’Agricoltura della contea attraverso un cosiddetto processo di autorizzazione ministeriale e apre una parte maggiore della superficie della contea all’erba, tra le altre modifiche. Il mese scorso i commissari alla pianificazione della contea hanno approvato l’ordinanza, con alcune modifiche chiave, che istituiscono quella che potrebbe essere una discussione controversa durante la riunione del consiglio dei supervisori della contea di Sonoma martedì. I leader della contea e i coltivatori affermano che il cambiamento è disperatamente necessario in anni di palude burocratica che hanno ritardato l’autorizzazione per le operazioni legalmente consentite. “La riforma dell’ordinanza esistente è urgentemente necessaria”, ha detto Hopkins. “In questo momento, passare attraverso il processo di autorizzazione all’uso della cannabis è chiaro come fango e favorisce in modo sproporzionato i ricchi. C’è troppa ambiguità per tutte le parti su ciò che costituisce un buon luogo per la cannabis “.

Il supervisore James Gore, controparte di Hopkins nel consiglio di amministrazione sulla cannabis ad-hoc, ha definito l’attuale struttura di approvazione della cannabis un “abietto fallimento”, ma ha affermato di non essere sicuro che i supervisori si sarebbero impegnati a un cambiamento all’ingrosso nella loro prossima riunione. “Penso che ci sarà una grande discussione e vedremo se saremo in grado di raggiungere un consenso”, ha detto Gore, la cui cognata gestisce un’attività di cannabis a Cloverdale. “Se lo facciamo, probabilmente dovremo riportarlo un paio di volte per capire i dettagli.”

Il supervisore David Rabbitt, che rappresenta la contea meridionale, comprese le periferie rurali di Petaluma, è stato a lungo protettivo nei confronti dei quartieri periferici. Era l’unico voto “no” quando Sonoma Hills Farm era in attesa di approvazione ottobre 2019, e anche se quella fattoria a gennaio ha celebrato il suo primo raccolto consentito, Rabbitt rimane riluttante a sostenere l’industria fiorente, in particolare dove potrebbe entrare in conflitto con i residenti . “Non credo che abbiamo fatto abbastanza per proteggere i quartieri residenziali rurali”, ha detto Rabbitt, aggiungendo che le nuove regole devono indirizzare le operazioni di cannabis verso aree più compatibili. “Dobbiamo solo assicurarci che la nostra ordinanza spinga le persone a visitare quei siti e non abbiamo avuto il successo che vorrei nella contea meridionale”.

Se approvata, l’ordinanza proposta consentirebbe alle piantagioni di cannabis all’aperto di comprendere il 10% di un singolo lotto, e i gruppi di quartiere hanno lanciato l’allarme che il cambiamento apre decine di migliaia di acri alla cannabis commerciale. “Se (approvano le modifiche) il 18, vedrai spuntare coltivazioni di marijuana in tutto il confine della contea e Petaluma”, ha detto Evenich, che funge da rappresentante di Pepper Road per il gruppo di quartiere della contea che si oppone all’ordinanza. I coltivatori, tra cui Alexa Wall, che gestisce la fattoria Penngrove Luma California dal 2014, hanno affermato che le paure dei vicini non sono basate sulla realtà.

“Penso che i vicini siano concentrati su ciò che è possibile – cosa potrebbe accadere”, ha detto Wall durante una riunione del comitato editoriale dei democratici della stampa martedì. Wall ha detto che i coltivatori dovrebbero trovare la “proprietà perfetta” per attraversare il nuovo processo di autorizzazione ministeriale, aggiungendo che la maggior parte tornerà nel processo tradizionale, che richiede molto preavviso ai vicini. I funzionari della contea hanno finora rinunciato a una revisione ambientale formale, dichiarando invece che le modifiche non sarebbero state meno rigorose delle attuali tutele ambientali.

Ma i vicini vedono la mossa come un cambiamento tettonico nel panorama della cannabis che darebbe il via libera a più erba con meno preavviso ai residenti vicini, una combinazione così sgradevole che hanno minacciato di citare in giudizio se i supervisori della contea approvassero l’ordinanza prima di condurre un rapporto completo sull’impatto ambientale. “Le modifiche proposte al processo di autorizzazione della cannabis saranno alcuni dei più significativi cambiamenti nell’uso del suolo nella contea di Sonoma negli ultimi 40 anni e, durante una pandemia schiacciante quando le famiglie stanno lottando con bisogni immediati, quasi nessuno che non sia già un coltivatore o il vicino adiacente lo sa ”, hanno detto i vicini in una lettera del 3 maggio ai leader della contea e ai media.

Paure del vicinato

La coalizione di quartiere ha richiesto più di 30 modifiche prima di offrire il proprio sostegno per una nuova ordinanza sulla cannabis. Insieme al loro desiderio di vedere una revisione ambientale completa, i vicini hanno spinto per una moratoria sui permessi fino a quando tale revisione non sarà completata, hanno cercato maggiori battute d’arresto per i coltivatori e hanno spinto per il divieto di trasportare l’acqua nelle proprietà dei coltivatori di cannabis. In un’intervista la scorsa settimana, Rabbitt ha segnalato che si sarebbe appoggiato a una moratoria durante la discussione di martedì. E il supervisore della contea di Sonoma Susan Gorin, che rappresenta la valle di Sonoma, ha detto che sente che la marea si sta spostando verso una revisione ambientale.

Per quanto riguarda il modo in cui bilanciare questo con i cambiamenti a lungo ricercati dai leader del settore, Gorin ha affermato che “questo è l’enigma che il consiglio deve affrontare”. Sebbene Wall abbia affermato di essere favorevole a una revisione ambientale, lei e altri operatori di cannabis affermano che non dovrebbe fermare le nuove autorizzazioni. Erich Pearson, direttore esecutivo della Cannabis Business Association della Sonoma County e proprietario di SPARC, un rivenditore di cannabis con sede a San Francisco con vetrine a Santa Rosa, Sebastopol e Sonoma, ha detto che è già passato troppo tempo. Ma ha anche riconosciuto che alcuni ritardi sono stati comprensibili. “Il personale della contea ei nostri supervisori si sono concentrati su questioni davvero importanti, che sono incendi e pandemia”, ha detto Pearson. “Ma la nostra industria sta morendo sulla vite qui.” Michael Cole ha vissuto lungo Pepper Lane, adiacente a un’operazione di cannabis in sospeso, con sua moglie e la loro famiglia di quattro figli negli ultimi sei anni.

Teme che l’operazione di cannabis di un acro proposta vicino a casa sua possa rapidamente triplicare le sue dimensioni se l’ordinanza a livello di contea fosse adottata. E con la preoccupazione che l’operazione possa essere un obiettivo per i ladri, un problema che è stato documentato in passato nella contea di Sonoma, Cole ha detto che il suo quartiere residenziale rurale non è il posto giusto per la cannabis commerciale. “Questa è una delle mie più grandi paure, è il crimine che creerà e le persone che porterà qui intorno”, ha detto Cole. “Se questo accade, non voglio che i miei figli vadano su e giù per la corsia.” Come Evenich, anche Cole si preoccupa dell’uso dell’acqua in quella che dovrebbe essere una siccità storica. La cannabis è una coltura ad alta intensità di acqua, che utilizza dal doppio a sei volte la quantità di acqua utilizzata per coltivare l’uva da vino, e il pozzo di Cole sta già pompando meno di un gallone al minuto. Reclami simili si sono verificati in tutta la contea. Steve Rogers presta servizio presso il consiglio per l’acqua della Valle della Luna a Sonoma e come presidente dell’associazione dei proprietari di case del quartiere di Chantarelle sul pavimento della valle di Sonoma a sud-ovest del centro di Sonoma.

Dice di aver votato per legalizzare la marijuana, ma è fermamente convinto che se chiedessi a tutte le persone che hanno votato a favore della cannabis se vogliono che venga coltivata a Sonoma, risponderebbero di no. “La nostra associazione locale dei proprietari di case (Temelec) è radicalmente contraria al permesso di coltivare cannabis nella Valley”, ha detto. “Non è il raccolto giusto per correre lungo un quartiere residenziale, potenzialmente a soli 300 piedi dalle nostre case”. Rogers è anche preoccupato per lo stato delle falde acquifere della valle, che secondo lui sarà “incredibilmente difficile e costoso da ripristinare. “Il Board of Supervisors è molto favorevole all’agricoltura, ma non può continuare ad approvare progetti con un utilizzo intensivo dell’acqua”, ha affermato. “I nostri pozzi quaggiù si stanno prosciugando.” Wall, che vive nella sua fattoria di cannabis Penngrove con la sua famiglia, inclusa la figlia piccola, considera molte delle paure dei vicini esagerate. Gli operatori devono accettare rigorosi requisiti di utilizzo dell’acqua, ha detto, e non ha alcuna preoccupazione di crescere un bambino nella sua fattoria.

“Al giorno d’oggi, sono più preoccupata che mia figlia vada a scuola che vivere in una fattoria di cannabis”, ha detto. Lunedì, la casa di Evenich a Pepper Lane vantava un altro cartello “No Pot on Pepper” su una dependance. Aveva altri cartelli nascosti nella sua porta d’ingresso, in attesa di essere esposti. Il suo gruppo e la coalizione di quartiere a livello di contea hanno assunto due specialisti della comunicazione per diffondere il loro messaggio, ma non è sicuro che sarà sufficiente. “Non sono affatto fiducioso”, ha detto. “Ecco perché sto facendo quello che sto facendo ora. Devo portare consapevolezza a tutto ciò. “

Fonte: petaluma360.com

Lascia un commento

Contattaci