Il consiglio sulla cannabis di New York tiene la prima riunione, modifica il programma medico

Martedì i regolatori della marijuana di New York hanno cercato di compensare i ritardi nel lancio del farmaco approvando un chief equity officer e apportando modifiche immediate al programma di cannabis medica durante la riunione inaugurale del Consiglio di controllo statale della cannabis.

Il consiglio di cinque membri incaricato di implementare la legalizzazione della marijuana e di far avanzare l’industria statale della cannabis ha stabilito un tono chiaro: volevano superare i ritardi nell’attuazione del regolamento e della legge sulla tassazione della marijuana.

La legge statale che legalizza la marijuana è entrata in vigore a marzo , ma le lotte intestine tra l’allora governo. Andrew Cuomo e il legislatore statale hanno esacerbato i ritardi nella nomina dei membri del consiglio di amministrazione, rallentando il lavoro di adozione di regolamenti per le vendite legali.

“L’MRTA è stato firmato in legge il 31 marzo. Ma non siamo stati in grado di iniziare il lavoro per stabilire il mercato della cannabis di New York fino al 22 settembre, quando è stato nominato l’intero comitato di controllo della cannabis. Pertanto, c’era un ritardo di sei mesi da recuperare”, ha detto al consiglio martedì pomeriggio Christopher Alexander, direttore esecutivo dell’Office of Cannabis Management.

Martedì i regolatori della marijuana di New York hanno cercato di compensare i ritardi nel lancio del farmaco approvando un chief equity officer e apportando modifiche immediate al programma di cannabis medica durante la riunione inaugurale del Consiglio di controllo statale della cannabis.

Il consiglio di cinque membri incaricato di implementare la legalizzazione della marijuana e di far avanzare l’industria statale della cannabis ha stabilito un tono chiaro: volevano superare i ritardi nell’attuazione del regolamento e della legge sulla tassazione della marijuana.

La legge statale che legalizza la marijuana è entrata in vigore a marzo , ma le lotte intestine tra l’allora governo. Andrew Cuomo e il legislatore statale hanno esacerbato i ritardi nella nomina dei membri del consiglio di amministrazione, rallentando il lavoro di adozione di regolamenti per le vendite legali.

“L’MRTA è stato firmato in legge il 31 marzo. Ma non siamo stati in grado di iniziare il lavoro per stabilire il mercato della cannabis di New York fino al 22 settembre, quando è stato nominato l’intero comitato di controllo della cannabis. Pertanto, c’era un ritardo di sei mesi da recuperare”, ha detto al consiglio martedì pomeriggio Christopher Alexander, direttore esecutivo dell’Office of Cannabis Management.

L’impatto del lancio lento potrebbe essere sentito. Una parte della legge che avrebbe consentito ai titolari di carte di marijuana di coltivare piante sei mesi dopo l’entrata in vigore della legge è stata ritardata perché il consiglio non era in vigore, ha riferito il Times Union di Albany .

Ma martedì, i regolatori sono andati avanti con diverse modifiche al programma di cannabis medica. Includono la rinuncia permanente a una quota di registrazione di $ 50 per pazienti e operatori sanitari e la trasformazione dell’intero fiore in una forma approvata di prodotto a base di cannabis medica.

Fonte: www.lohud.com

Lascia un commento