Pinene della Cannabis: Il Terpene Dal Forte Potenziale Terapeutico

Vi siete mai chiesti perché la vostra ganja ha un odore così buono? É tutto merito dei terpeni. Questi minuscoli composti (che costituiscono gli oli essenziali della pianta di cannabis) possono conferire alla marijuana aromi di muschio, fragranze dolci e note più o meno aspre.

Il pinene rientra tra questi terpeni e, come probabilmente avrete già intuito, dona alla cannabis quell’aroma rinfrescante e pungente di pino. Ma voi lo sapevate che i terpeni, come appunto il pinene, possono anche influenzare direttamente gli effetti della cannabis?

COS’È IL PINENE?

Il pinene è uno dei principali terpeni della cannabis, ma è anche presente negli oli essenziali di pino, conifere in generale, artemisia, erba canforata e altre piante ancora. Ha proprietà naturali repellenti per gli insetti ed è uno dei terpeni più comuni in natura.

Il pinene è presente in molti oli essenziali, tra cui quelli del rosmarino, delle bucce d’arancia e dell’eucalipto. La maggior parte delle miscele di oli essenziali contiene anche il pinene, soprattutto quelle etichettate con nomi come “foresta”. Grazie al suo potente aroma e al fatto che è ampiamente disponibile in natura, potete trovare il pinene in molti prodotti commerciali.

Qual è la struttura chimica del pinene?

Qual è La Struttura Chimica Del Pinene?

L’α-pinene è un monoterpene biciclico, il che significa che la sua struttura chimica è caratterizzata da due anelli (detti enantiomeri): uno con carica positiva (+) e l’altro con carica negativa (-). Questi anelli sono immagini speculari tridimensionali l’uno dell’altro e sono completamente identici. Inoltre, l’α-pinene ha un doppio legame e la sua struttura centrale sembra in qualche modo simile ad un cubo.

Il β-pinene, un altro terpene della famiglia del pinene, vanta una struttura chimica apparentemente simile, ma con differenze importanti. L’α-pinene è solubile sia in etanolo che in olio ed ha un punto di ebollizione di 155°C, mentre il β-pinene è solubile solo in olio ed ha un punto di ebollizione leggermente superiore di 163–166°C.

Che odore ha il pinene?

Come suggerisce il nome, il pinene ha un caratteristico aroma che viene spesso associato all’odore di pulito e fresco dei pini. Tuttavia, si possono notare anche note terrose e leggermente muschiate. Pensa all’aroma di un albero di Natale, alle conifere o all’odore rinfrescante ed avvolgente di una grande pineta. Il pinene sprigiona anche sfumature erbacee simili a quelle che potresti sentire vicino ad una pianta di basilico fresco, timo o aneto, oltre ad alcune note legnose che ricordano l’abete rosso, l’abete bianco ed il cedro.

Alcuni aggettivi che potrebbero aiutarti ad immaginare l’aroma del pinene includono:

  • Resinoso
  • Erbaceo
  • Profumo di cuoio
  • Speziato
  • Aromatico
  • Balsamico

IL PINENE HA UN FORTE POTENZIALE TERAPEUTICO

Il pinene può aumentare la concentrazione mentale e l’energia nonché agire come espettorante, broncodilatatore (il fumo sembra espandersi nei polmoni) e antisettico topico. Intrugli a base di foglie di piante che lo contengono sono stati utilizzati per migliaia di anni nella medicina tradizionale per conservare e ripristinare la memoria. Ha inoltre ottime capacità antinfiammatorie ed antiossidanti. Ci sono due tipi di pinene, alpha, che troviamo negli aghi di pino e nel rosmarino; e beta che troviamo in aneto, prezzemolo, rosmarino, basilico, achillea, rosa e luppolo.

Tanto per cominciare, si è scoperto che l’α-pinene è un efficace broncodilatatore. Ciò significa che questo terpene favorisce l’apertura delle vie respiratorie. Il valore terapeutico di questo meccanismo può essere applicato a condizioni respiratorie come l’asma. Tali scoperte sono state pubblicate  nella rivista Inhalation Toxicology. Gli studi suggeriscono che questi effetti potrebbero essere benefici anche per gli impiegati e gli operai che lavorano nelle imprese di traslochi e pulizie.

Altre ricerche hanno scoperto che il pinene offre una efficace azione protettiva sui polmoni contro certi tipi di infezioni virali. Uno studio pubblicato nella rivista Molecules afferma che sia l’alpha che il ß-pinene sono utili nella soppressione del virus della bronchite. Secondo questa ricerca, alpha e ß-pinene potrebbero essere considerati potenziali medicinali contro le infezioni da virus della bronchite.

Un ulteriore studio  pubblicato dal medico Ethan Russo sta analizzando il vero potenziale terapeutico del pinene e degli altri terpeni. Russo fornisce una breve descrizione della natura dei terpeni: ” I terpenoidi condividono un antenato con i fitocannabinoidi, e sono componenti di gusti e fragranze comuni nella dieta alimentare degli esseri umani, e sono stati ‘generalmente riconosciuti come sicuri’ dalla Food and Drug Administration ed altri enti governativi. I terpenoidi sono piuttosto potenti ed influenzano i comportamenti animali ed umani se inalati dall’ambiente esterno, a livello di siero in concentrazioni a cifra singola.”

Russo sottolinea che il potenziale terapeutico dei terpeni è ampio, e che essi hanno la capacità di agire in sinergia con i cannabinoidi, provocando potenti effetti terapeutici. Egli afferma: “Essi presentano effetti terapeutici unici, che possono contribuire in modo significativo all’effetto entourage degli estratti medicinali a base di cannabis. Un’attenzione particolare verrà dedicata all’interazione fitocannabinoidi-terpenoidi, che potrebbe produrre un’azione utile nel trattamento di dolore, infiammazione, depressione, ansia, dipendenza, epilessia, cancro, infezioni micotiche e batteriche (incluse le infezioni da Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina).”

Forse una delle più sbalorditive ricerche sull’α-pinene è quella pubblicata nella rivista Biologia. Lo studio mirava ad esaminare le proprietà antitumorali dell’alpha pinene, e i risultati incoraggiano ulteriori studi sul pinene come agente anticancro. La ricerca ha concluso: “Complessivamente, i nostri risultati suggeriscono che l’α-pinene abbia una limitata azione terapeutica come agente anticancro.”

L’IMPORTANZA DEL PINENE E DEI TERPENI IN GENERALE

L'IMPORTANZA DEL PINENE E DEI TERPENI IN GENERALE

Le proprietà dei singoli composti della cannabis stanno suscitando sempre più interesse e un crescente numero di studi sta valutando come comprenderne meglio gli effetti e le potenziali proprietà medicinali. E nonostante questo aspetto sia molto importante, è altrettanto rilevante capire che gli effetti di questi composti possono variare, soprattutto in presenza di altri cannabinoidi e terpeni.

Questo fenomeno è conosciuto come “effetto entourage” ed è uno dei pilastri per una migliore comprensione della cannabis. Una volta compresi i meccanismi dell’effetto entourage, potremo finalmente andare oltre l’analisi dei singoli composti isolati ed iniziare a concentrarci sulla pianta nel suo insieme.

Alcune fonti sostengono, ad esempio, che il pinene può essere un potente antibiotico ad ampio spettro. Il pinene è particolarmente efficace contro lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), soprattutto in presenza di CBD e CBN.

Lo stesso sito afferma inoltre che l’efficacia del pinene come broncodilatatore migliora in presenza di THC. Tuttavia, a quanto pare le proprietà di allerta del terpene possono annullarsi in presenza di più composti sedativi (come ad esempio il mircene).

Questi sono solo alcuni esempi di come gli effetti del pinene possono entrare in perfetta sinergia con quelli di altri composti della cannabis.

5 varietà di cannabis ricche di pinene

5 Varietà Di Cannabis Ricche Di Pinene

Se stai cercando una varietà di cannabis ricca di pinene, sei fortunato. Il pinene è uno dei terpeni più comuni tra le cultivar di cannabis e le seguenti varietà si distinguono per averne in abbondanza.

1. Blue Dream

Blue Dream è un prezioso ibrido statunitense. Incrocio Haze e Blueberry a predominanza sativa, la Blue Dream è amata per i suoi effetti molto bilanciati che attivano la mente mentre rilassano il corpo. Vanta un delizioso aroma di frutti di bosco dolce con un leggero retrogusto di terra e frutta.

2. Jack Herer

Jack Herer è una famosa ed amata varietà sativa che prende il nome dal celebre autore ed attivista pro-cannabis. Produce effetti edificanti e positivi che innescano uno sballo cerebrale creativo e lucido. Le sue cime altamente resinose hanno un delizioso profumo di agrumi con rinfrescanti note di pino.

1.4069.00

4.OG KUSH

La OG Kush nasce nel paradiso della coltura cannabica della California settentrionale, ma si è diffusa in tutto il mondo diventando un fenomeno globale. Forse, la caratteristica più distintiva di questa varietà è il suo intenso e familiare aroma di agrumi, pino e frutta. Le infiorescenze della OG Kush contengono alte concentrazioni di pinene, noto per aumentare la concentrazione e per contrastare la perdita di memoria a breve termine (spesso associata agli effetti della cannabis). La OG Kush è il risultato dell’incrocio tra Chemdawg, Lemon Thai e Pakistani Kush e il suo patrimonio genetico è composto da un 75% di genetica indica ed un 25% sativa. Questa varietà a predominanza indica provoca un profondo rilassamento corporeo ed allontana efficacemente lo stress.

4. Cannatonic

Non dimenticare che le varietà ad alto contenuto di CBD possono essere ricche di terpeni e resina tanto quanto le varietà ricche di THC. E la Cannatonic ne è l’esempio perfetto. Vantando effetti rilassanti, senza lo sballo inebriante del THC, la Cannatonic ha anche un forte aroma terroso con un retrogusto di agrumi.

5. Strawberry

Chiamata così per il suo aroma e la sua potenza che possono far tossire anche i fumatori più esperti, Strawberry  è un ibrido di alta qualità che produce uno sballo avvolgente ed energizzante. Il suo aroma ricorda le fragole fresche, dolci e leggermente aspre, con note di frutti di bosco.

Pinene: Riassunto

Pinene: Riassunto

Il pinene esiste in due distinte varianti che, insieme, costituiscono gran parte dei terpeni presenti in natura e, in particolare, nella cannabis. Per questo motivo, il pinene continua ad essere al centro di numerose ricerche scientifiche ma, sebbene i primi studi abbiano dato risultati promettenti, sono necessarie ulteriori prove per trarre conclusioni più concrete sulle proprietà farmacologiche del pinene.

Fonti: www.zamnesia.io
www.royalqueenseeds.it
www.cannaconnection.it

Lascia un commento

Contattaci