Cannabis OG Kush: La “Regina Della California”

OG Kush è una delle genetiche più popolari in Nord America ed incarna l’essenza della cannabis Californiana. È diventata una delle genetiche top da incrociare per via della qualità e potenza. L’OG Kush è un incrocio tra la Chemdawg e la Hindu Kush. La Chemdawg è un ibrido che arriva ‘dritto al cervello’ mentre la Hindu Kush è un’indica pesante. Queste due genetiche rendono l’OG Kush una miscela perfetta per qualsiasi consumatore di cannabis.

Nessuno sa cosa significhi OG. Alcuni credono stia per “Original Gangsta”. Altri invece credono che le lettere “OG” stiano per “Ocean Grown” perché i coltivatori californiani hanno creato questa genetica vicino la costa. Per qualsiasi cosa stia, questa varietà colpì la scena di LA nella metà degli anni 90 e divenne in breve tempo uno standard alto per la nuova ondata di genetiche uscite dalla California.

LE ORIGINI DELLA CANNABIS OG KUSH

Le origini di alcune tra le più famose varietà di cannabis sono spesso complesse e misteriose, e la storia della OG Kush non fa eccezione. Non abbiamo informazioni ufficiali sulle vere origini di questa varietà emblematica, ma possiamo esporre moltissimi aneddoti e leggende al riguardo.

L’unico dato certo è che il ceppo Kush proviene dalle montagne Hindu Kush dell’Asia Centrale. Durante gli anni ’60 e ’70, i viaggiatori occidentali scoprirono le varietà autoctone che crescevano spontanee in questa regione e riportarono alcuni semi nelle loro terre di origine, dando il via alle sperimentazioni su questa pianta.

Articolo Correlato: Cosa Sono le Varietà di Cannabis Kush?

Secondo una delle principali teorie sulle origini della OG Kush, questa varietà fu creata da Matt “Bubba” Berger, un breeder e coltivatore di cannabis della Florida. In base alle testimonianze raccolte, Berger avrebbe avuto a disposizione alcune genetiche particolari, tra cui una Kush, che aveva soprannominato “Bubba” (e che alcuni ritengono fosse una talea prelevata da un esemplare Northern Lights), ed un ibrido chiamato Kryptonite, o “Krippy”.

Negli anni ’90, un suo amico breeder, conosciuto con il nome di Josh D, portò a Los Angeles una talea proveniente da una delle varietà di Berger. C’è un acceso dibattito riguardo la varietà prelevata da Josh D: secondo alcuni, potrebbe trattarsi della “Bubba”, mentre per altri era Kryptonite. In ogni caso, Josh D avrebbe perfezionato la varietà di Berger fino ad ottenere la OG Kush che noi tutti oggi conosciamo ed apprezziamo.

La OG Kush ottenne molta popolarità in tutta la West Coast americana, e venne addirittura soprannominata la “Regina della California”. Era apprezzata da coltivatori e fumatori ed anche i breeder utilizzarono talee di OG Kush per creare una moltitudine di nuove genetiche ibride, tra cui Sapphire OG, Larry OG, Purple Kush e molte altre. Tanti fan della cannabis e breeder della California ritengono che quasi tutte le varietà classiche californiane siano state influenzate, in un modo o nell’altro, dalla OG Kush.

Quella che avete appena letto è la leggenda più popolare sulle origini della OG Kush, ma non è l’unica. Alcuni coltivatori affermano che la OG Kush potrebbe essere un particolare fenotipo di Chemdawg o un incrocio Chemdawg/Pakistani Kush. Ovviamente, la verità è difficilmente verificabile e, in un certo senso, è comunque irrilevante. Ciò che conta, è che la OG Kush sia arrivata dalla Florida fino alla West Coast negli anni ’90 e sia rapidamente diventata una delle varietà più emblematiche del pianeta.

ODORE, SAPORE ED EFFETTI DELLA OG KUSH

L’OG Kush è conosciuta per la sua potenza ed il suo complesso profilo aroma/sapore. La caratteristica più evidente della OG Kush è il suo aroma forte, unico, molto umido e leggermente agrumato, dalle note terrose e speziate, la fragranza richiama anche un forte odore di diesel. Il suo sapore è forte e umido, con un persistente retrogusto. Solitamente i test del THC dimostrano un contenuto tra il 19-25% e il CBD oltre lo 0,3%, ha un’effetto forte, che sale molto velocemente con sensazioni corporee energizzanti ed euforia lucida.

È un ibrido perfetto per una qualsiasi occasione anche se potrebbe variare in qualche modo per via dei suoi fenotipi differenti. Alcuni consumatori potrebbero sperimentare un’effetto Indica forte, con effetti profondi e rilassanti mentre altri, potrebbero sperimentare un fenotipo con effetti sativa potenti, provando più euforia all’inizio della fattanza. Comunque tutti sono d’accordo sul fatto che è un ibrido solido.

I consumatori hanno indicato che questa genetica è ottima per alleviare lo stress e l’ansia però, con la sua potenza ed il suo alto contenuto di THC, le persone sensibili devono stare particolarmente attente dato che questa genetica, a volte, potrebbe scaturire paranoia. I consumatori terapeutici apprezzano la OG Kush perché aiuta ad aumentare l’appetito per coloro che hanno problemi a digerire o che hanno problemi gastrointestinali. Le persone utilizzano la OG Kush anche per trovare sollievo dal dolore.

OG Kush CBD: Saporita e Terapeutica con un Piacevole Intorpidimento

Quando qualcuno menziona la OG Kush la prima cosa che viene in mente agli appassionati di cannabis è la sua alta qualità. Soprattutto negli Stati Uniti, questo nome è entrato a far parte della coltura pop e spesso viene associato a celebrità come Snoop Dogg e Wiz Khalifa.

Nel corso degli anni, la cannabis è diventata sempre più accettata per il suo potenziale terapeutico. Nello specifico, il CBD non psicoattivo offre qualità medicinali molto efficaci che potrebbero aiutare a trattare un’ampia gamma di problemi di salute mentale e fisica.

La OG Kush CBD è stata creata incrociando una Pure CBD ed una OG Kush. Questa varietà a predominanza sativa fiorisce in 55-60 giorni e nelle coltivazioni indoor produce 550g/m², mentre all’aperto fino a 1100g/pianta.

Con il suo rapporto THC:CBD di 1:1, la OG Kush CBD può essere molto efficace nel ridurre l’ansia e le tensioni muscolari. I suoi moderati livelli di cannabinoidi ( circa 10%) provocano un high prolungato, per lo più cerebrale. Quando si fuma questa varietà si avverte un piacevole sapore di limone che inebrierà le vostre papille gustative.
Prova subito le strain di OG Kush CBD presenti su ShopGanja:

COME COLTIVARE LA OG KUSH

La pianta ha una statura cespugliosa ed ha diramazioni forti e dense. Le cime sono grandi e massicce con un colore verde-lime acceso. Il periodo di fioritura della OG Kush dura intorno i 55 giorni e per i coltivatori outdoor andrebbe raccolta ad ottobre.

Le genetiche originali sono Medio-orientali quindi, regolate il microclima per emulare quelle condizioni climatiche e porterete beneficio alla OG Kush. È anche adatta allo ScrOG e al super cropping per aumentare le rese.

L’OG Kush è una varietà di cannabis estremamente forte, i fumatori più esperti la definiscono una delle loro preferite. L’effetto è forte sia dal punto di vista fisico sia da quello mentale. Sebbene i suoi effetti siano simili a quelli della Sativa, i componenti genetici di questo ceppo sono prevalentemente quelli dell’Indica. L’effetto è tanto forte e complesso quanto il suo sapore. L’OG Kush impiega circa 8 settimane per fiorire e in media il frutto è di circa 500 grammi per pianta che presentano alte concentrazioni dei terpeni mircene, limonene e cariofillene sono alla base del suo aroma inconfondibile.

I coltivatori possono facilmente ottenere rese più elevate impiegando tecniche base di training. La cimatura durante le prime settimane della fase vegetativa costringerà le piante a produrre più steli principali e più siti di fioritura. Main-lining e low-stress training contribuiranno entrambi a tenere sotto controllo ed aerare adeguatamente la sua folta e densa chioma.

L’OG Kush è nota per allungarsi un po’ durante la crescita ma presto comincia a irrobustirsi durante la fioritura. In genere, la pianta raggiunge dai 90 ai 160 centimetri d’altezza. I suoi bud sono grappoli verde limone, grandi e fitti, ricoperti da una grande quantità di resina.

PREMI

L’OG Kush è stata nominata una delle “25 Più Grandi Genetiche di Tutti i Tempi” da High Times. Ha anche avuto la più grande concentrazione di THC misurata in laboratorio al Denver Cannabis Cup nel 2013, misurando il 24%. La lista dei premi del cannabis cup è troppo lunga da elencare perché, la OG Kush, è parte di molti fenotipi ed incroci. Comunque, la ragione principale per cui la OG Kush viene scelta per le competizioni è per via della sua resistenza solida e consistente e per il suo apprezzamento.

Fonte: www.cannaconnection.it
www.zamnesia.io
www.royalqueenseeds.it

Lascia un commento

Contattaci